In Evidenza

Serie Pitagora

  • Visualizzatore da pannello multicanale, con display LCD
  • Funzioni di misura combinabili per l’ottimizzazione dello strumento in funzione dell’applicazione
  • Collegabile con reti di sensori digitali Modbus
  • Diverse schede di I/O disponibili e possibilità di configurazioni personalizzate, per soddisfare ogni esigenza dei nostri Clienti
  • Configurazione firmware modulare per attivare e combinare tra di loro differenti funzioni di elaborazione dei dati di misura
Categoria:
   
Per poter vedere il .pdf e il file edraw devi registrarti

Gli strumenti della serie Pitagora, sviluppati da S2Tech, sono visualizzatori / acquisitori dati da pannello, dotati di un display LCD retroilluminato ad alta leggibilità.  Lo strumento acquisisce i segnali dai trasduttori con convertitori AD ad alta risoluzione, in maniera da trattare individualmente le misure di ogni canale con una conversione nelle unità meccaniche e nella risoluzione di interesse.

L’utilizzo di questa piattaforma di misura consente un’elevata flessibilità applicativa, permettendo la gestione dei canali di misura interni allo strumento, oppure l’utilizzo delle misure provenienti da sensori digitali (forza, peso, pressione, spostamento, livello, inclinazione, accelerazione) di produzione S2Tech.

Lo strumento permette la connessione diretta di trasduttori di tipo estensimetrico (celle di carico, torsiometri, trasduttori di pressione, etc) e la misura di segnali in corrente o in tensione, secondo i più diffusi standard utilizzati in automazione o nell’ambito industriale.

Lo strumento dispone di un’elevata potenza di calcolo, per l’impiego di moderni microcontrollori ARM a 32 bit, con memorizzazione dei parametri di funzionamento su memoria EEProm.

Lo strumento Pitagora può essere utilizzato per diverse applicazioni, tra cui: sistemi di pesatura, macchine per il montaggio automatico; macchine per il controllo della qualità; presse; macchine utensili; macchine tessili; macchine da stampa flessografiche; macchine per la lavorazione della gomma; presse ad iniezione di materiali plastici; macchine per la ceramica; marmo macchine; macchine per il soffiaggio di materiali plastici.

Uno degli elementi distintivi della Serie Pitagora è l’ampia possibilità di configurazione offerta dallo strumento in base alle esigenze espresse dal cliente e all’applicazione che si intende sviluppare.

 

MODULI HARDWARE / CONNESSIONI ELETTRICHE

I moduli di acquisizione dei segnali analogici consentono la connessione di segnali amplificati (4-20 mA; 0-10 V; 0-5 V; ±5 V; ± 10 V) e non amplificati, da trasduttori di tipo estensimetrico, da potenziometri, da encoder, da trasduttori digitali, etc.

Potendo installare un massimo di 8 schede di I/O, è possibile gestire un massimo di 8 canali di input con segnale in tensione o in corrente. I 4 slot presenti possono essere popolati in modo differente, combinando diverse tipologie di schede di input e schede di output. Le schede che possono essere utilizzate all’interno del Pitagora sono le seguenti:

Schede di Ingresso installabili nello strumento:

  • I1: da 0 a ±80 mV
  • I2: da 0 a ± 80 mV (2 canali)
  • I4: da 0 a ±5 V oppure da 0 a ±10 V
  • I5: da 0 a ±5 V oppure da 0 a ±10 V (2 canali)
  • I6: 4-20 mA; 0-20 mA (2 fili)
  • I7: 4-20 mA; 0-20 mA (2 fili, 2 canali)
  • I8: 4-20 mA; 0-20mA (3 fili)
  • I9: 4-20 mA; 0-20 mA (3 fili, 2 canali)
  • I10: Start Stop
  • I11: SSI non optoisolata

Schede di Uscita installabili nello strumento:

  • O1: da 0 a 5 V
  • O2: da 0 a 10 V
  • O3: da 4 a 20 mA
  • O4: da 0 a 20 mA
  • D0: 2 livelli d’allarme a uscite rele’
  • D1: 4 livelli d’allarme a uscite optoisolate

I livelli di allarme sono liberamente impostabili dall’Utilizzatore tramite una comoda procedura e consentono di pilotare indifferentemente:

  • ogni scheda D0, per l’attivazione di due allarmi che agiscono sulla commutazione dello stato del relativo relè
  • ogni scheda D1 per l’attivazione di 4 soglie di allarme che agiscono sulle uscite optoisolate

Lo strumento Pitagora consente di utilizzare le seguenti connessioni digitali, per la configurazione dello strumento e la ritrasmissione dei dati verso controllori remoti (PLC, Computer, bus di campo, etc):

  • Protocollo Modbus Master/Slave (disponibile sulle porte RS232, RS485 o USB)
  • Protocollo CANopen

Lo strumento Pitagora, può essere configurato come Master per la connessione seriale RS485, permettendo l’acquisizione e la gestione delle misure da sensori digitali di produzione S2Tech, utilizzando una rete di più device o sensori, in alternativa o in aggiunta agli ingressi analogici eventualmente installati nello strumento.

Lo strumento dispone di numerose funzioni di misura standard, a disposizione dell’Utilizzatore, quali:

  • la visualizzazione del peso netto (azzerando una tara o un pre-carico attraverso il pulsante sul frontalino o un contatto sulla morsettiera, per mezzo degli ingressi optoisolati);
  • la misura del peso lordo (visualizzazione del peso misurato, senza azzeramento della tara);
  • la funzione conta pezzi (attraverso la memorizzazione di un peso campione, viene calcolato il numero di pezzi omogenei di un lotto pesato);
  • la funzione di errore (visualizzando la differenza tra il valore misurato e il livello di allarme 1);
  • la funzione di ritenuta del picco positivo/negativo (tramite l’attivazione da contatto esterno, viene memorizzato il valore massimo misurato, potendo predisporre l’attivazione dei livelli di allarme sul valore di picco memorizzato);
  • la funzione di hold della misura (il dato misurato sul display viene congelato e trattenuto, in funzione dello stato di un contatto opto isolato).

MODULI FIRMWARE

I moduli firmware sono moduli virtuali che aggiungono funzionalità di misura complementari a quanto riferibile ai moduli hardware installati nell’unità, aumentando le funzioni di misura a disposizione dell’Utilizzatore e permettendo di personalizzare lo strumento in maniera molto specifica per la propria applicazione, caratteristica impensabile per la strumentazione normalmente in commercio.

S2Tech offre un’ampia possibilità di configurazioni che possono essere modificate, combinando tra loro diversi moduli di misura e moduli firmware, a seconda delle richieste dei clienti e delle eventuali personalizzazioni necessarie allo sviluppo dell’applicazione.  Per esempio, è possibile utilizzare questi moduli per personalizzare la modalità di visualizzazione delle misure acquisite e/o elaborate dallo strumento, effettuare elaborazioni matematiche combinando tra loro misure acquisite da più moduli hardware, applicare filtraggi, etc.

Con la versione standard dello strumento, sono disponibili, senza la necessità di ricorrere a personalizzazioni dei moduli firmware, le seguenti funzionalità:

  • Modulo Adder: permette di svolgere operazioni matematiche in funzione di un determinato parametro, applicando le comuni operazioni matematiche e costanti, in ottica multivariabile (fino ad 8 combinabili tra loro).
  • Modulo Filter: il modulo filtro effettua una media mobile della misura, su un numero di campioni prefissato dall’Utilizzatore. Il comportamento del modulo Filter è uguale per tutti i parametri: il tipo di filtro è il Pass Filter e la frequenza di taglio può essere regolata cambiando il coefficiente del filtro. Più è alto il coefficiente, maggiore sarà l’effetto del Filtro
  • Modulo di Linearizzazione: il modulo di linearizzazione dello strumento Pitagora permette di effettuare una conversione delle misure di interesse in un’unità di misura differente da quella utilizzata nel momento in cui i canali hardware sono stati tarati. In fase di taratura dello strumento è possibile memorizzare in tale modulo dei punti di caratterizzazione della misura per descrivere la relazione che si crea tra la misura iniziale (variabile indipendente) e tutti i dati derivati che risultano dal calcolo (variabile dipendente). La linearizzazione può descrivere un rapporto lineare tra la variabile X e la variabile Y oppure un rapporto non lineare, attraverso una serie di spezzate. Un utilizzo tipico si ha per le misure di livello, quando è richiesta la conversione di una misura di posizione di un galleggiante – come posizione lineare – in una misura di volume, per serbatoi dalla forma altamente irregolare o per serbatoi di grandi dimensioni, dove si debba compensare lo spanciamento delle pareti al variare del carico. Tale modulo trova anche applicazione con sensori di forza o peso, per compensare attriti delle componenti meccaniche ad essi collegati e/o deformazioni ripetibili delle strutture di cui dover tenere conto per effettuare una misura corretta. È possibile impostare due diverse serie di tabelle di linearizzazione, a seconda della quantità di dati richiesti per l’elaborazione delle misure: a)Linearizzazione con dati memorizzati in memoria EEPROM: può essere effettuata con dati di fino a 32 elementi e può essere gestita attraverso il display, oppure tramite comunicazione Modbus/CAN; b)Linearizzazione con memorizzazione in memoria FLASH: prevede l’utilizzo di due tabelle da 14.000 punti / elementi. La linearizzazione può essere utile anche nel momento in cui si desideri visualizzare la misura in diverse unità di misura (es. Kg e Libbre).
  • Modulo Aggregatore di dati: è inoltre disponibile un modulo con funzione di “Aggregatore di dati”, qualora sia necessario utilizzare misure provenienti da moduli di I/O differenti. Questo modulo permette all’operatore, una volta configurati gli indirizzi delle variabili che si vuole leggere (fino ad un massimo di 8), di effettuare con un solo indirizzo tutte le interrogazioni da remoto, con risparmio di tempo sul trasferimento dei dati verso il controllore remoto. Nell’ottica di una connessione digitale Modbus, attivando questo modulo è possibile un’interrogazione in multiple register
  • Modulo Livelli: questo modulo è in genere sempre associato ad un modulo di I/O hardware (Relè oppure contatti optoisolati), quando il sistema di misura deve essere interfacciato con sistemi di controllo analogici privi di comunicazioni su bus di campo per segnalare lo stato delle misure, come superamento delle soglie impostate e/o come risultato di un confronto con condizioni di riferimento predisposte dall’Utilizzatore. 

Sono disponibili diverse configurazioni:

  • misura > soglia;
  • misura < soglia;
  • misura compresa tra una soglia minima e una soglia massima;
  • la misura si trova all’esterno di due soglie.

Configurando più slot livelli è possibile aggiungere più intervalli di controllo.

Lo strumento Pitagora è inoltre dotato di 4 ingressi optoisolati che possono sostituire l’attivazione dei tasti presenti sullo strumento. Attraverso tali ingressi è possibile disattivare / attivare tutti i tasti o solo parte di essi, attivare funzioni di azzeramento delle misure o di ritenuta del picco od essere utilizzati come trigger per funzioni di misura legate agli ingressi analogici o ai moduli firmware presenti nella configurazione dello strumento.

E’ possibile richiamare nello strumento differenti modalità operative (Operation modes) che determinano come lo strumento si comporta in termini di misura e di visualizzazione dei dati.

Anche per i tasti vi sono diverse possibilità di configurazione. Essi infatti possono assumere funzionalità differenti in base alle richieste del Cliente e alle necessità che emergono dalla tipologia di applicazione per la quale lo strumento deve essere utilizzato.

La Serie Pitagora, come la Serie AN401Plus, è marcata CE.

Uscita digitale

CAN open DS406 (opzionale), RS232, RS485, USB

Uscita analogica

+10V, +5V, 0-20 mA, 4-20 mA

Temperatura di esercizio

da 0 a +70°C

Alimentazione

10-35 Vcc, 9-15 Vca

Tipologia segnale

Analogico, Digitale

Materiale

Plastica

 

Schede di Ingresso installabili nello strumento:

  • I1: da 0 a ±80 mV
  • I2: da 0 a ± 80 mV (2 canali)
  • I4: da 0 a ±5 V oppure da 0 a ±10 V
  • I5: da 0 a ±5 V oppure da 0 a ±10 V (2 canali)
  • I6: 4-20 mA; 0-20 mA (2 fili)
  • I7: 4-20 mA; 0-20 mA (2 fili, 2 canali)
  • I8: 4-20 mA; 0-20mA (3 fili)
  • I9: 4-20 mA; 0-20 mA (3 fili, 2 canali)
  • I10: Start Stop
  • I11: SSI non optoisolata

Schede di Uscita installabili nello strumento:

  • O1: da 0 a 5 V
  • O2: da 0 a 10 V
  • O3: da 4 a 20 mA
  • O4: da 0 a 20 mA
  • D0: 2 livelli d’allarme a uscite rele’
  • D1: 4 livelli d’allarme a uscite optoisolate

 

 

 

 

Per effettuare un ordine o per scoprire la soluzione più adatta alle Vostre esigenze, potete contattarci direttamente al seguente indirizzo di posta elettronica:

info@s2tech.it

 

Come ordinare Serie PITAGORA